Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Inn Vet Med 42 | aprile 2020

PEA-um: quando la dimensione fa la differenza

Uno dei principali limiti all’uso orale di sostanze dotate di funzioni biologiche è la loro biodisponibilità, cioè la quantità e velocità con cui raggiungono il target. Tale caratteristica è direttamente proporzionale alla solubilità della sostanza nei liquidi acquosi. Il che significa che sostanze potenzialmente molto utili per la salute possono avere un effetto scarso – o addirittura nullo – se nel somministrarle non si tiene conto delle loro caratteristiche chimico-fisiche. È il caso della PEA (palmitoiletanolamide), un N-acil lipide presente in natura, in una grande varietà di fonti alimentari comunemente utilizzate per l’alimentazione animale; soia, pesce e farina di frumento sono solo alcuni esempi. Inoltre, la PEA è considerata uno dei primi nutrienti: è normalmente contenuta nei fluidi che alimentano il feto (liquido amniotico e sangue di vena ombelicale) e nel latte materno. Nei mammiferi, la PEA è prodotta “on demand” (al bisogno), degradata per via enzimatica quando non più necessaria, ed è presente praticamente in tutti i tessuti e liquidi organici. È oggi sempre più chiaro che PEA appartiene ad un naturale sistema di segnale a funzione pro-omeostatica: l’aumento dei suoi livelli (attraverso l’inibizione della sua degradazione oppure tramite la supplementazione dietetica) attiva risposte “pro-resolving” e prepara l’organismo all’insulto; viceversa, la riduzione dei suoi livelli concorre al manifestarsi di segni clinici e rappresenta il fallimento di un tentativo endogeno di riparazione.

Molti studi hanno dimostrato che la PEA è dotata di funzioni importantissime per la fisiologia dell’organismo animale e il mantenimento dello stato di salute. Cionondimeno, la sua natura altamente lipofilica ne rende l’uso orale una vera e propria sfida. La PEA, infatti, è praticamente insolubile in acqua e scarsamente solubile nella maggior parte dei solventi acquosi. Come la maggior parte delle sostanze lipofiliche, il suo assorbimento è inversamente proporzionale alla dimensione delle particelle in cui risulta aggregata. Sulla base di queste considerazioni, Innovet e il suo gruppo si sono impegnati, a partire dalla fine degli anni ’90, in un progetto tecnologico finalizzato ad ottenere, selezionare e caratterizzare frazioni di PEA con particelle sempre più piccole. Nel 2010, grazie a questo forte impegno di ricerca, abbiamo scoperto che la forma a maggiore biodisponibità e quindi più attiva di PEA è la cosiddetta PEA ultra-micronizzata (PEA-um) dove il 99% delle particelle ha dimensioni inferiori a 6 micron. Questa scoperta ci ha permesso di ottenere numerosi brevetti internazionali nei maggiori paesi del mondo a protezione del know-how esclusivo frutto del nostro progetto di ricerca (es. WO2011027373, PCT/IT2009/000399, EP 2475352, CA 2738117, AU 2009352080, JP 5746178, US 8,470,373).

Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy