Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

FANS: si rischia per non soffrire

È la DDW (Digestive Disease Week) - sotto la cui egida si riuniscono le più importanti associazioni americane nel settore della Gastroenterologia e Chirurgia Endoscopica - a lanciare l’allarme. Nonostante sia di molto aumentata la consapevolezza dei rischi legati all’uso dei FANS, sono ancora molti ad assumerne a dosaggi più elevati di quelli consigliati. Le conseguenze? Una lista infinita di effetti collaterali ed una percentuale veramente impressionante di morbosità/mortalità.
FANS: si rischia per non soffrire

All’annuale riunione della DDW (New Orleans, 15-20 maggio 2004), il messaggio è stato chiaro. “La percentuale di americani – hanno detto i gastroenterologi presenti al simposio – che è consapevole dei rischi legati all’uso indiscriminato di FANS per attenuare il dolore è passata, in cinque anni, dal 18% al 59%. Purtroppo, a questa consapevolezza non è corrisposto un altrettanto razionale comportamento…”. Ebbene, sì. Più del 44% delle persone intervistate afferma, infatti, di assumere i FANS in dosi assolutamente più elevate e per tempi molto superiori a quelli consigliati dal medico.
Il risultato? “I FANS – affermano gli esperti – restano sempre la prima causa di ulcera gastroduodenale…Senza contare gli effetti avversi che si registrano a carico di altri apparati, con complicanze renali, epatiche, cardiovascolari, ematiche, cutanee e nervose.”
Ma il dato davvero impressionante è quello relativo alla morbosità/mortalità da FANS. “L’uso ed abuso di questi farmaci hanno portato negli Stati Uniti a più di 103.000 ospedalizzazioni e a 16.500 decessi all’anno.”
Che fare, allora? Ancora una volta, riportiamo i consigli degli esperti. “Usiamo i FANS – si è detto alla DDW 2004 – con appropriatezza, seguendo, cioè, le prescrizioni del medico e magari in combinazione con altre sostanze, che ne consentano l’abbreviazione dei tempi di utilizzo. Solo così, potremo ricavarne il massimo beneficio terapeutico ed ammortizzarne al minimo i rischi.”

Digestive Disease Week, When relieving the pain raises the risk, New Orleans, May 15-20, 2004
© 2004 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy