Menu

L’acido lipoico migliora la forza muscolare

Se c’è una differenza tra acido lipoico (ALA) e vitamine E e C - in termini di attività esercitata sulla performance muscolare - questa sta proprio nel dosaggio. La letteratura, infatti, non lascia dubbi: alte dosi vitaminiche possono, paradossalmente, compromettere, anziché favorire, la potenza dell’apparato muscolare. Al contrario, ciò non succede per l’ALA che, oltre a rinforzare l’azione energizzante delle vitamine a basse dosi, esercita importanti effetti positivi sulla forza di contrazione muscolare: anche ad elevato dosaggio!
L’acido lipoico migliora la forza muscolare

L’hanno dimostrato sia “in vitro” che “in vivo”. Nel 2001, il gruppo di ricerca del “Center for Exercise Science” di Gainesville (Florida) ha utilizzato il muscolo tibiale di ratto come preparato per testare gli effetti della supplementazione combinata di vitamina E ed ALA sulla forza di contrazione muscolare. “È indubbio – scrivono i ricercatori nell’articolo pubblicato sul Journal of Applied Physiology – che l’esercizio muscolare provoca un marcato aumento di ROS [NdR: acronimo di specie reattive dell’ossigeno o radicali liberi], a loro volta responsabili di quell’alterato stato ossidativo che compromette la performance muscolare. Ma è altrettanto vero che al muscolo serve una certa quantità di ROS, per mantenere quello stato ossido-riduttivo fondamentale per ottimizzare la propria forza di contrazione.” Sta, dunque, qui la spiegazione dell’”effetto paradosso” delle alte dosi di vitamina E: a causa della loro potente azione antiossidante, il muscolo viene totalmente deprivato delle molecole radicaliche, con conseguente alterazione dell’equilibrio ossido-riduttivo ed, alla fine, evidente compromissione di capacità e forza di contrazione.Stesso discorso “in vivo”. Negli anni successivi, sempre a Gainesville, ricercatori del “Centro di Medicina Sportiva” del locale Dipartimento di Scienze Cliniche Veterinarie dimostravano, infatti, che la somministrazione di alte dosi – sia di vitamina E che di vitamina C – diminuiva, in modo evidente, la velocità in gara dei levrieri.
Ben diversa la situazione di ALA che, anche ad alte dosi, mantiene gli effetti positivi su energia e forza di contrazione muscolare. “ Il meccanismo d’azione di questa sostanza – spiegano i ricercatori – è tale per cui, oltre ad agire da “intrappolatore” dei ROS prodotti in eccesso dal muscolo sotto sforzo, preserva anche lo stato ossido-riduttivo di questo tessuto, rigenerando continuamente le scorte di antiossidanti endogeni, tra cui il glutatione, la vitamina E e la vitamina C.”
È questa, dunque, la ragione per cui ALA potenzia, a qualsiasi dosaggio, la forza di contrazione: un giusto mix d’azione tra controllo antiossidante e mantenimento dell’equilibrio ossido-riduttivo a livello muscolare.

Coombes JS, Powers SK, Rowell B, Hamilton KL, Dodd SL, Shanely RA, Sen CK, Packer L, 2001, Effects of vitamin E and a-lipoic acid on skeletal muscle contractile properties, Journal of Applied Physiology, 90: 1424-1430 Marshall RJ, Scott KC, Hill RC, Lewis DD, Sundstrom D, Jones GL, Harper J, 2002, Supplemental vitamin C appears to slow racing greyhounds, Journal of Nutrition, 132: 1616S-1621S Hill RC, Armstrong D, Browne RW, et al, 2001, Chronic administration of high doses of vitamin E appear to slow racing greyhounds, Faseb Journal, 15: A990
© 2004 Innovet