Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Ritirato il Vioxx

L’azienda farmaceutica Merck & Co. ha ritirato dalla commercializzazione a livello mondiale la specialità medicinale Vioxx (molecola rofecoxib), un antinfiammatorio/analgesico “di ultima generazione”, largamente usato anche nel nostro Paese per il controllo del dolore, compreso quello di natura articolare. Il motivo? Un gigantesco studio clinico che ha evidenziato un significativo aumento del rischio di eventi cardiovascolari – infarti e/o ictus, per intenderci - nei soggetti trattati a lungo termine con questo FANS.
Ritirato il Vioxx

Coxib. Ovverossia, antinfiammatori COX2-selettivi, capaci di inibire pressoché esclusivamente la forma dannosa dell’enzima COX (ciclo-ossigenasi) – la 2, appunto -preservando, invece, l’attività dell’isoforma 1 (COX-1), ad effetto omeostatico e protettivo. Ebbene, sembrava fossero la risoluzione del problema “dolore”, di qualsiasi natura esso fosse: massima efficacia e drastica riduzione degli effetti collaterali, compresi quelli di natura gastrolesiva.
A sette anni dalla loro comparsa, sembra, però, essersi definitivamente incrinata l’immagine dei Coxib come di “FANS ideali”, capaci, cioè, di alleviare il dolore, ad esempio da artrosi, senza andare incontro ad alcun effetto indesiderato: anche in caso di trattamento a lungo termine.Ad inficiare pesantemente tale concezione arriva ora uno studio clinico multicentrico, appositamente disegnato per valutare l’efficacia e la sicurezza d’impiego di un Coxib di largo consumo: il rofecoxib, nome commerciale Vioxx.
“Tra i 2600 pazienti arruolati a partire dal 2000 – si legge nei risultati dello studio – si è evidenziato un aumento del rischio relativo di eventi cardiovascolari non fatali, come infarti e ictus, in quei soggetti che assumevano continuativamente il Vioxx rispetto a quelli trattati con placebo.” Risultati gravi che, peraltro, vanno a confermare quanto era emerso, già nel 2000, dallo studio VIGOR ( Vioxx Gastrointestinal Outcome Research ): un aumento di 4-5 volte dell’incidenza di infarto miocardico tra i pazienti che assumevano proprio l’antinfiammatorio Rofecoxib.L’esito finale, dunque, si può intuire: ritiro del farmaco dalla commercializzazione in 80 Stati, inclusa l’Italia. E non solo. E’ in atto una fase di valutazione presso l’EMEA – l’Agenzia europea del farmaco – per vedere se gli effetti collaterali che hanno portato la Merck & Co. al ritiro del Vioxx dal mercato mondiale siano strettamente legati al medicinale a base di rofecoxib oppure coinvolgano l’intera classe dei Coxib.
Per leggere la notizia, consulta il sito http://my.webmd.com/content/Article/94/102995.htm

Bombardier C, Laine L, Reicin A, Shapiro D, Burgos-Vargas R, Davis B, Day R, Ferraz MB, Hawkey CJ, Hochberg MC, Kvien TK, Schnitzer TJ, Comparison of upper gastrointestinal toxicity of rofecoxib and naproxen in patients with rheumatoid arthritis. VIGOR Study Group, N Engl J Med. 2000 Nov 23;343(21):1520-8
© 2004 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy