Menu

Ginkgo: nuove evidenze di neuroprotezione

Egb 761, la forma standardizzata dell’estratto di Ginkgo biloba, migliora la memoria e riduce la morte dei neuroni ippocampali in ratti con deficit cognitivi. Lo pubblica “Neuroscience” di ottobre 2007.
Ginkgo: nuove evidenze di neuroprotezione

Lo studio è stato condotto, presso i laboratori di Neuropsicofarmacologia della “Kanazawa University” (Giappone), su 344 ratti femmina, tutte sottoposte ad ovariectomia ed esposte a situazioni di stress (confinamento ristretto per un periodo di 21 giorni), tale da generare deficit cognitivi e concomitanti alterazioni neurodegenerative di tipo strutturale. Solo un terzo (107) di questi animali è stato, però, supplementato giornalmente con 50 mg di Egb761 per os per più di 2 mesi. Ebbene, solo in questi animali i test neurocomportamentali evidenziavano un miglioramento della performance mnemonica post-stress, cui si accompagnava il riscontro autoptico di una ridotta morte neuronale a livello dell’ippocampo.
Si tratta, dunque, di risultati, che vanno perfettamente ad allinearsi con quanto già estesamente pubblicato in letteratura e che ribadiscono le molteplici attività neuroprotettive, oggi ascritte all’estratto di Ginkgo biloba: dall’efficacia antiossidante ed anti-apoptotica, all’aumento della plasticità ed eccitabilità neuronale, al riequilibrio delle vie neurotrasmettitoriali, all’azione diretta sulla vascolatura cerebrale. Una neuroprotezione a tutto tondo, che, sappiamo, ha benefici effetti anche sui deficit cognitivi che accompagnano l’avanzare dell’età.

Takuma K, HoshinA y, Arai S, Himeno Y, Matsuo A et al. Ginkgo biloba extract Egb761 attenuates hippocampal neuronal loss and cognitive dysfunction resulting from chronic restraint stress in ovarioectomized rats. Neuroscience 2007; 149(2): 256-262
© 2007 Innovet