Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Demenza senile nel cane: nuove evidenze

La neurodegenerazione sottostante alla demenza senile del cane coinvolge anche il sistema di trasmissione nervosa serotoninergica. Lo spiega “Journal of Comparative Neurology”.
Demenza senile nel cane: nuove evidenze

Un gruppo di clinici veterinari spagnoli dimostra per la prima volta che la compromissione dei neuroni serotoninergici può contribuire ai danni cognitivi, che accompagnano la controparte canina della malattia di Alzheimer.
Utilizzando specifiche tecniche immunoistologiche e stereochimiche, i ricercatori sono arrivati alla determinazione quantitativa dei neuroni serotoninergici presenti nei nuclei del rafe dorsale e mediale del cervello di cani giovani ed anziani, quest’ultimi sia sani che con diagnosi di demenza senile, effettuata in base ad un questionario comportamentale somministrato al proprietario.
In sintesi, i cani anziani, affetti da demenza senile e con depositi corticali di proteina amiloide, presentavano una diminuzione statisticamente significativa dei neuroni serotoninergici, rispetto a quelli rilevati nei soggetti giovani ed anziani, sani e privi di depositi di amiloide nel loro cervello.
Si tratta, dunque, di risultati molto interessanti che non solo ribadiscono l’importanza del cane nella comprensione dei meccanismi neurodegenerativi implicati nella demenza senile, ma sanciscono anche il diretto coinvolgimento della via nervosa serotoninergica nella genesi dei disturbi cognitivi e mnemonici legati ad un invecchiamento cerebrale patologico.

Bernedo V, Insua D, Suarez ML, Santamarina G, Sarasa M, Pesini P. -amyloid cortical deposits are accompanied by the loss of serotonergic neurons in the dog. J Comp Neurol 513: 417-429, 2009
© 2009 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy