Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

SITOV e AVULP uniti per l’anca

Con il sostegno dell’Associazione di Veterinari Umbri (AVULP), si è svolto a Perugia il congresso nazionale SITOV. Tema dell’evento: displasia dell’anca e sequela artrosica.
SITOV e AVULP uniti per l’anca

Quest’anno, il congresso nazionale della SITOV (Società Italiana di Traumatologia e Ortopedia Veterinaria) ha scelto come tema la displasia dell’anca, affrontando in particolare l’approccio chirurgico a questa frequente malattia ortopedica dello sviluppo, nonché la sua più temibile conseguenza: l’artrosi. Nella due giorni congressuale (8-9 maggio 2009), la displasia è stata affrontata da varie prospettive. Dopo un inquadramento iniziale, mirato a ricapitolare i capisaldi dell’esame clinico e radiografico (Paolo Mizzau), e la presentazione di tecniche diagnostiche d’avanguardia come la TAC (Gian Luca Rovesti), i lavori congressuali si sono focalizzati sulle diverse tecniche chirurgiche: dalla sinfisiodesi pubica giovanile (Massimo Barilli), alla triplice e duplice osteotomia pelvica (Gian Luca Rovesti); alla tettoplastica acetabolare (Stefano Dondo); ai diversi tipi di protesi d’anca (Francesco Gallorini, Maurizio Isola, Antonio Crovace).
La “finestra” Innovet al congresso SITOV è stata tenuta da Alda Miolo del CeDIS, che ha parlato di EBVM (Evidence-Based Veterinary medicine) e, in particolare, delle evidenze cliniche a favore della condroprotezione Innovet: dagli studi in vitro che hanno dimostrato effetti e meccanismo d’azione di sostanze anti-artrosiche di ultima generazione come quercetina e Glupamid. Allo studio clinico controllato sull’utilizzo di Condrostress in cani sottoposti a ricostruzione chirurgica del legamento crociato anteriore e valutati con tecnica di spettroscopia di risonanza magnetica protonica (1H-NMR).
L’analisi spettroscopica del liquido sinoviale – ha spiegato Miolo – ha chiaramente evidenziato che nei trattati con il nutraceutico a valenza condroprotettiva ed antiossidante si riequilibrano quei metaboliti (lattato, glucosio, N-acetile, alanina) di natura degenerativa, infiammatoria ed ossidativa che contraddistinguono fin da subito il sopraggiungere del processo artrosico secondario alla rottura legamentosa.

Consulta il programma del congresso
http://www.ad-maiora.eu/public/board/file/masterclass-PG-Mag…

© 2009 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy