Chiudi
Menu
Carrello

Il servizio ordini on-line
è momentaneamente non disponibile.
Potete acquistare i prodotti Innovet
su Giulius Pet Shop

Cani e gatti: basta liti condominiali

Cassazione e Parlamento uniti nel decretare libero accesso a cani e gatti nei condomini. Fermo restando il buon senso e la responsabilità civile del proprietario.
Cani e gatti: basta liti condominiali

È lungo l’elenco dei motivi alla base di futili quanto insanabili rancori tra le famiglie di un condominio. Ma quelli scatenati dalla presenza di animali sono al vertice di questo elenco. L’anno scorso sono state almeno 26mila le liti condominiali scatenate in Italia dagli animali presenti nei nostri appartamenti, praticamente 70 al giorno tra casi di ordinaria insofferenza o liti vere e proprie finite davanti ad un giudice.
Ora, una sentenza della Corte di Cassazione definisce che per evitare la presenza di un animale sia nell’abitazione privata che negli spazi condominiali comuni sia necessaria l’unanime decisione della piccola comunità, e non più una semplice modifica del regolamento ordinario.
Ed il Parlamento si spinge ancora più in là. Una proposta di legge, già approvata al Senato, prevede che nei regolamenti condominiali non possano essere inserite disposizioni che in qualunque modo limitano il diritto a detenere e/o ad ospitare presso la propria abitazione un animale familiare. Quanto alle zone condominiali comuni, per gli animali presenti si stabilisce il costante diritto di transito e permanenza.
Riforma, dunque, importante per chi vive in condominio e, molte volte, è costretto a subire situazioni conflittuali e fastidiose solo perché possiede cani e/o gatti, o in qualche caso è addirittura obbligato per regolamento a privarsi del possesso di un animale da compagnia.
Resta, ovviamente, invariata la necessità da parte del proprietario di adottare un comportamento civile e responsabile, occupandosi della pulizia dei luoghi comuni occupati dai suoi animali, piuttosto che garantendo le condizioni di sicurezza dei “vicini di pianerottolo”, specie nel caso si possieda un cane appartenente a razze oggettivamente “impegnative”.

Leggi la notizia su ANMVI OGGI
http://www.anmvioggi.it/12370/07-03-11/riforma-del-condomini…

© 2011 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy