Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Quando il gatto è a rischio cistite

In sovrappeso o francamente obeso, pauroso, irritabile e chiuso in casa. Questo l’identikit del gatto predisposto alla cistite, così come emerge da uno studio caso-controllo norvegese.

Quando il gatto è a rischio cistite

La caratterizzazione del gatto predisposto alla cistite idiopatica felina (FIC, Feline Idiopathic Cystitis) viene da un gruppo di clinici di Oslo (Norvegia), che ha messo a confronto 70 casi di FIC con 95 gatti sani, sottoponendo i loro proprietari ad un articolato questionario telefonico. Suddiviso in sei sezioni, il questionario poneva essenzialmente domande sulle caratteristiche individuali del gatto e sul suo ambiente di vita, con particolare attenzione alla presenza di altri pet, alle modalità di assunzione di cibo e acqua, alla gestione della cassetta igienica e all’opportunità per l’animale di dare sfogo ai suoi comportamenti naturali. I risultati sono molto espliciti. Rispetto ai gatti di controllo (sani), quelli con FIC risultano in sovrappeso, se non addirittura obesi, si presentano irritabili e particolarmente paurosi ed hanno un regime di vita rigorosamente “indoors” senza cioè avere accesso all’ambiente esterno. Altre differenze tra casi e controlli riguardano il regime alimentare, con i gatti affetti da cistite che mangiano prevalentemente a pasti cadenzati, variano spesso la dieta e hanno la zona cibo situata in una posizione non proprio confortevole, rispetto ai sani che possono nutrirsi “ad libitum” in spazi appartati e sicuri. Lo stesso vale per la cassetta igienica, posta in un ambiente poco confortevole, quieto e sicuro per i gatti con FIC rispetto ai felini di controllo. Si tratta, affermano gli autori nelle conclusioni della pubblicazione, di fattori correlati l’uno all’altro. L’obesità, ad esempio, è il risultato di poca attività fisica, a sua volta legata ad un regime di vita rigorosamente “indoor”, come dello stato di sterilizzazione/castrazione e di un’eccessiva assunzione di cibo. Lo stress, poi, è fattore primario della maggior eccitabilità caratteriale del gatto con FIC, ad avvalorare l’ipotesi della patogenesi psico-neuro-endocrina della FIC, aggravata da fattori stressogeni esterni: in primis, uno stile di vita non adatto a favorire gli istinti naturali dei nostri gatti che, seppur domestici, restano pur sempre felini! Leggi l’abstract di PubMed in: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26018550

Lund HS, Sævik BK, Finstad ØW et al. Risk factors for idiopathic cystitis in Norwegian cats: a matched case-control study. J Feline Med Surg. 2015 May 27. pii: 1098612X15587955. [Epub ahead of print]

© riproduzione riservata

© 2015 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy