Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Niente uova di cioccolato per Fido!

È a Pasqua ma, in generale, durante le festività che aumenta il rischio di intossicazione da cioccolato. Nel mirino il cane, specie di piccola taglia.

Niente uova di cioccolato per Fido!

Le statistiche parlano chiaro. L’intossicazione da cioccolato rappresenta il 25% di tutte le intossicazioni acute del cane, con sintomi variabili che vanno dai disturbi gastrointestinali (vomito), a quelli cardiovascolari (tachicardia) e nervosi (convulsioni), al coma e alla morte.

 

Ciò nonostante, non tutti i proprietari sono allertati sui pericoli del cioccolato. Le Assicurazioni inglesi hanno ad esempio rivelato che il 9% dei proprietari non si preoccupa se il proprio cane ingerisce del cioccolato, il 17% gli dà anche frutta secca (altrettanto tossica) e il 37% lo nutre con cibi contenenti cipolla o gli fa addirittura bere alcoolici. Tant’è che l’81% dei veterinari inglesi ha avuto a che fare nell’arco di un anno con intossicazioni di tipo alimentare.

 

È lo stesso Veterinary Record, organo ufficiale dei veterinari inglesi, ad incoraggiare i professionisti ad educare i proprietari ad una maggior responsabilità nei confronti degli amici a quattrozampe.

Cerchiamo innanzitutto di capire le ragioni che inducono i proprietari a nutrire i propri animali con cibi tossici. Molto probabilmente, una parte non è completamente conscia dei rischi che i loro amici corrono… A volte, può prevalere la voglia di far sentire anche ai nostri cani l’atmosfera delle festività, condividendo con loro anche i cibi delle grandi occasioni.

 

A rischio è soprattutto il cane di piccola taglia, in cui le sostanze nocive contenute nel cioccolato (specie amaro e fondente) si accumulano molto facilmente e non vengono eliminate. Colpa della carenza di un enzima, il citocromo P450, indispensabile per lo smaltimento della teobromina, l’alcaloide maggiormente incriminato in questa forma di “dolce avvelenamento”.

Prevenire è meglio che curare. Dunque, per non cacciarsi nei guai, è meglio tenere fuori dalla portata di zampa le nostre riserve di uova pasquali e festeggiare le prime giornate di primavera con rilassanti passeggiate fuori porta assieme ai nostri amici animali.

 

Jarvis S. No chocolate for Fido. Vet Rec. 2017;181(25):665

Noble PM, Newman J, Wyatt AM, Radford AD, Jones PH. Heightened risk of canine chocolate exposure at Christmas and Easter. Vet Rec. 2017;181(25):684

© 2018 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy