Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Una giornata dedicata al cane displasico

Sabato 13 ottobre si è tenuta a Bari una vera e propria “full immersion” nella displasia dell’anca del cane, con attenzione particolare allo studio radiografico e alle opzioni preventive.

Una giornata dedicata al cane displasico

Tutto merito di Donato Tedesco (Triggiano) e Enrico Panichi (CTO Vet, Arenzano) l’intenso pomeriggio di sabato 13 ottobre a Bari. I due noti esperti di Ortopedia Veterinaria hanno infatti fortemente voluto questo incontro di aggiornamento su uno dei temi ortopedici più attuali e dibattuti: la displasia dell’anca del cane.

 

Il fitto programma pomeridiano ha tenuto alta l’attenzione di una cinquantina di partecipanti, tutti estremamente interessati a comprendere l’eziopatogenesi e lo sviluppo della displasia, ma soprattutto ad apprendere i più corretti metodi di diagnosi e prevenzione.

 

Tedesco ha aperto i lavori concentrandosi sull’esame clinico, e tracciando le linee guida essenziali di un approccio diagnostico standardizzato, e nel contempo personalizzato al singolo paziente, specie in rapporto all’età o alla sua appartenenza di razza (metodo BOA®).

 

A seguire, Panichi si è concentrato sullo studio radiografico, spiegando tecniche di esecuzione e posizionamenti per eseguire l’indagine strumentale secondo i moderni standard ortopedici. Si è altresì soffermato sulla lettura ed interpretazione dei radiogrammi in funzione delle varie proiezioni radiografiche.

 

La seconda parte del pomeriggio è stata invece dedicata alle opzioni terapeutiche, alla luce di una valutazione dei pro e contro tra le più promettenti scelte chirurgiche e conservative.

 

L’obiettivo prioritario – hanno più volte sottolineato i relatori – resta sempre la prevenzione della displasia dell’anca. Un insieme, cioè, di vere e proprie “regole” di ortopedia preventiva che partono dalla certificazione iniziale del cucciolo, si fondano su visite ortopediche precoci e complete di studio radiografico, e coinvolgono il proprietario in merito al controllo del peso e dell’esercizio fisico. Solo attenendosi in maniera scrupolosa a questo programma di salute articolare si possono raggiungere importanti obiettivi: intervenire ancor prima che si sia instaurata un’artrosi irreversibile, e usufruire di chirurgie preventive piuttosto che di salvataggi in extremis.

 

Tedesco D, Panichi E. Dysplasia files: approccio multitasking alla prevenzione e trattamenti terapeutici. iH Hotels Bari Oriente, Bari, sabato 13 ottobre 2018

© 2018 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy