Menu

Osteoartrite del gatto: i rischi iniziano in giovane età

Sterilizzazione tardiva, obesità, accesso all’esterno e traumi ripetuti sono tra i fattori di rischio che espongono il gatto al rischio di osteoartrite (artrosi) dopo i sei anni di età.
Osteoartrite del gatto: i rischi iniziano in giovane età

L’osteoartrite [NdR anche detta artrosi o malattia degenerativa articolare] colpisce dal 61% al 99% dei gatti di ogni età ed è tra le cause più frequenti di dolore persistente e cronico in questa specie… Tuttavia, a parte l’età, ancora poco si sa dei fattori che aumentano il rischio di andare incontro a questa sofferenza articolare e correlati problemi di mobilità.”

 

A colmare queste lacune interviene il Bristol Cats Study, un vasto studio epidemiologico inglese condotto su 799 gatti di proprietà, con l’obiettivo di  identificare un nuovo ventaglio di fattori di rischio associati alla comparsa di osteoartrite a partire dai 6 anni d’età.

 

Primo fattore di rischio, lo stato riproduttivo. “I gatti ancora interi a sei mesi – si legge nell’articolo a libero accesso di Journal of Feline Medicine and Surgerypresentano un rischio raddoppiato di andare incontro a osteoartrite rispetto a quelli castrati o sterilizzati prima di questa età.”

 

Altro fattore di rischio, una storia di traumi. “Gatti con fratture scheletriche/dislocazioni o con ferite da morso sono maggiormente esposti al rischio di osteoartrite in età adulta.” Un fattore, questo, di “rischio artrosi”, anche correlato allo stile di vita all’aperto (outdoor) che non solo incrementa le possibilità di traumi conclamati, ma espone a una serie di microtraumi ripetitivi, in grado di alterare un po’ alla volta la biomeccanica articolare e condurre a osteoartrite.

 

E infine il sovrappeso e l’obesità. Lo studio conferma che gatti con peso corporeo eccessivo sono predisposti fin da giovani a problemi di mobilità, tanto da arrivare alla franca osteoartrite ai sei anni di età. Colpa sicuramente del sovraccarico meccanico, ma anche degli alti livelli circolanti di sostanze (le leptine), rilasciate dal “grasso” in eccesso e responsabili di uno stato infiammatorio cronico che si ripercuote anche sulle articolazioni.

 

Conoscere questi precoci fattori di rischio – si legge – è la strategia di base per lo sviluppo di approcci preventivi che diminuiscano nel gatto il rischio di osteoartrite dell’età adulta e ne migliorino benessere, salute articolare e qualità della vita.”

 

 

Maniaki E, Murrell J, Langley-Hobbs SJ, Blackwell EJ. Associations between early neutering, obesity, outdoor access, trauma and feline degenerative joint disease. J Feline Med Surg. 2021; 1098612X21991456. doi: 10.1177/1098612X21991456

© 2021 Innovet