Menu

La tutela dell’ambiente e degli animali entra in Costituzione

La Camera approva la proposta di legge costituzionale per far spazio alla Tutela dell’ambiente, della biodiversità, degli ecosistemi e degli animali.
La tutela dell’ambiente e degli animali entra in Costituzione

Con un voto storico, l’8 febbraio 2022 la Camera dei Deputati ha approvato la proposta di legge costituzionale che modifica due articoli della Costituzione (il 9 e il 41) per integrare la Tutela dell’ambiente, della biodiversità, degli ecosistemi e degli animali ai principi fondamentali della nostra Repubblica.

 

La riforma, già approvata dal Senato a novembre 2021, è entrata subito in vigore e non è sottoponibile a referendum (poiché votata da oltre due terzi del Parlamento).

 

Prima della riforma, l’articolo 9 recitava: “La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione”. Da oggi, ai beni da tutelare si aggiungono: “L’ambiente, la biodiversità e gli ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni. La legge dello Stato disciplina i modi e le forme di tutela degli animali”.

 

L’articolo 41 dispone invece che l’iniziativa economica privata non possa svolgersi in modo da recare danno, oltre che alla sicurezza, alla libertà e alla dignità umana (limiti già presenti in Costituzione) anche alla salute e all’ambiente.

 

Una vera e propria rivoluzione copernicana per l’ambiente e per gli animali, la cui salvaguardia entra così ufficialmente in legislatura, ponendo le basi per uno sviluppo futuro sostenibile e per un adeguamento della legislazione passata.

© 2022 Innovet