Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

L’artrosi del cane: una malattia dolorosa che limita il movimento

L’artrosi del cane: una malattia dolorosa che limita il movimento

Riportiamo di seguito l’estratto di un interessante articolo sull’artrosi del cane del Professor Carlo Maria Mortellaro (*) pubblicato  lo scorso 2 luglio su “Il Giornale“. Una malattia vecchia come il mondo. L’artrosi sembra esistere da sempre. C’era all’epoca dei dinosauri, ma ancora oggi rappresenta il principale “reumatismo” di uomini e donne, adulti e anziani.La situazione non è migliore per i nostri cani in cui l’artrosi, stando ai numeri emersi da specifiche indagini italiane[1], rappresenta il 53% delle malattie che interessano le loro articolazioni. A differenza dell’uomo, i cani possono però soffrire di artrosi fin dai primi anni di vita, se non già dai primi mesi. Questo perché il solo fatto di appartenere a determinate razze, e di avere pertanto una certa conformazione fisica e particolari modalità di sviluppo, li predispone geneticamente ad alcune malattie articolari. Per citare solo le più diffuse, parliamo delle tanto temute displasie dell’anca e del gomito: malformazioni che, compromettendo il corretto funzionamento delle articolazioni, provocano  fenomeni degenerativi ed infiammatori tipici dell’artrosi. Oltre a queste malattie tipiche dell’età dello sviluppo, esistono numerosi altri fattori che possono mettere a dura prova le articolazioni degli adulti e anziani: traumi; eccessi alimentari o di attività fisica, da cui dipendono sovraccarichi, sforzi anomali e stress esagerati che usurano, anche precocemente, i tessuti articolari, cartilagine in primis. Anche la maggior longevità dei nostri cani contribuisce ad aumentare la percentuale degli animali artrosici. Il dolore articolare. Un disagio cronico che trasforma i movimenti della vita quotidiana del nostro 4 zampe in una sofferenza continua. Il dolore artrosico è soprattutto la conseguenza dell’infiammazione che accompagna la degenerazione della cartilagine articolare (condrodegenerazione). Ma quando la malattia dura da tempo, il dolore spesso origina direttamente dagli stessi nervi che, da semplici mezzi di trasporto di un segnale di pericolo (“l’articolazione fa male, dunque non la uso”), diventano essi stessi sede della malattia e origine del dolore: si parla in questi casi di “dolore neuropatico”.  In queste situazioni croniche, nulla possono i tradizionali antinfiammatori (i cosiddetti FANS). Per il trattamento dell’artrosi, le linee guida delle Società Scientifiche Internazionali raccomandano l’uso combinato della chirurgia, dei farmaci e delle misure mediche non farmacologiche (es. controllo del peso e dell’attività fisica, riabilitazione fisioterapica), con l’obiettivo di contrastare simultaneamente le cause, i meccanismi e i sintomi (dolore) dell’artrosi. Oggi esiste tutta una serie di cosiddetti antinfiammatori non steroidei (FANS) che, a causa dei noti effetti collaterali, debbono però essere utilizzati per aggredire solo le fasi più acute della malattia e, soprattutto, per il più breve tempo possibile e al dosaggio minimo efficace. Fortunatamente, accanto a queste molecole farmacologiche,  vengono da tempo utilizzate sostanze naturali con interessanti effetti anti-artrosici, dotate, al contrario dei FANS, di un ampio profilo di sicurezza che ne consente un lungo utilizzo nel tempo. Stiamo parlando dei cosiddetti condroprotettori, come il Condroitin solfato e la Glucosamina che, somministrati per lunghi periodi, si sono dimostrati efficaci nella protezione della cartilagine artrosica in degenerazione. Un nuovo rimedio naturale. I classici condroprotettori non sono però efficaci nel breve periodo nel controllo del complesso dolore da artrosi. Per tale motivo sono state studiate nuove sostanze naturali, capaci di agire in maniera fisiologica sui meccanismi dell’infiammazione e del dolore cronico. Stiamo parlando delle Aliamidi, sostanze lipidiche della classe degli endocannabinoidi, prodotte naturalmente dall’organismo in condizioni di danno e dotate di effetti antinfiammatori ed antalgici scientificamente dimostrati. Nello specifico settore dell’artrosi, si è visto che la PEA (palmitoiletanolamide)), principale molecola della classe delle aliamidi,  aumenta di 30 volte nelle articolazioni malate, nel tentativo di ristabilire un salutare equilibrio. Numerosi studi scientifici, effettuati sia nell’uomo che negli animali, hanno inoltre dimostrato che la somministrazione orale di questa sostanza è in grado di controllare il dolore sia di tipo infiammatorio che neuropatico. Nello specifico settore Veterinario, è stata scoperta ed applicata da alcuni anni anche un’altra sostanza della famiglia delle Aliamidi, capace di combinare gli effetti antinfiammatori ed antidolorifici della PEA con quelli condroprotettivi della Glucosamina. Si chiama Glupamid (Palmitoilglucosamina) ed è normalmente prodotta dai microrganismi che albergano nelle leguminose (es. soia). Somministrato per via orale ai nostri amici a 4 zampe, Glupamid si è dimostrato in grado di esercitare un effetto antidolorifico molto superiore a quello della normale glucosamina.

Pertanto, il veterinario, per combattere questa invalidante malattia dei nostri amici animali, oggi può utilizzare sostanze biologiche che agiscono secondo Natura, in grado di aumentare il livello di movimento dei cani artrosici (e anche dei gatti), migliorando notevolmente la loro qualità di vita[2]. Potete leggere l’articolo completo al seguente link 2013-07-02-IlGiornaleSpecialePET

(*) Carlo Maria Mortellaro61anni Professore Ordinario di Patologia Chirurgica Veterinaria – DIVET (Dipartimento di Scienze Veterinarie e Sanità Pubblica), Clinica Chirurgica Veterinaria, Università degli Studi di Milano Carlomaria.mortellaro@unimi.it

 


[1] della Valle MF, Mortellaro CM, Miolo A, Costa B. Aliamides for pain management of osteoarthritis.      3rd Vepra Conference May 31st-June1st, 2013, Rimini

[2] Del Bue M, Giovannella A, Mortellaro CM, Peirone B, Petazzoni M, Rovesti GL, Bennett D. Studio epidemiologico sull’artrosi del cane:dati preliminari. Atti 46th Congresso Nazionale Multisala SCIVAC, Fiera Milano, 8-11 Maggio, 2003, p. 400
© 2013 Innovet

Commento su: “L’artrosi del cane: una malattia dolorosa che limita il movimento”

  1. Euroitalia Pet ha detto:

    Ottimo contributo. Anche i nostri amici a quattro zampe possono soffrire di disturbi articolari e, in alcuni casi, anche la corretta alimentazione – su consiglio del veterinario – può aiutare quantomeno ad allievare alcuni fastidiosi disturbi.

Comments are closed.

Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy