Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

Le otiti della A alla Z

Successo dell’iniziativa, promossa dal noto chirurgo Carlo Maria Mortellaro e sostenuta da Innovet, sulla gestione dell’otite dei nostri amici animali.

Veterinaria esamina le orecchie di un bassotto

Più di una cinquantina tra studenti, neolaureati e specializzandi di medicina veterinaria hanno seguito con grande interesse e attiva partecipazione l’iniziativa didattica sulle “otiti del cane e del gatto”, svoltasi a Milano presso l’Ospedale veterinario San Francesco, e fortemente voluta da Carlo Maria Mortellaro con il sostegno organizzativo e scientifico di Innovet.

 

Sempre molto attento alla formazione ed educazione continua degli studenti, nonché storico promotore di una didattica interattiva e tutoriale, per l’argomento “otite” Mortellaro ha coinvolto il noto dermatologo Fabrizio Fabbrini, affidandogli l’incarico di spiegare la pianificazione terapeutica delle otiti esterne e medie dei piccoli animali, e riservandosi il compito di esporre in prima persona le tecniche di otoendoscopia e di sofisticata chirurgia dell’orecchio (TECALBO).

 

L’orecchio – ha iniziato Fabbrini – è un distretto di competenza dermatologica, rivestito com’è dalla cute e primariamente interessato da classiche malattie cutanee soprattutto su base allergica, come atopia e allergia alimentare… Tant’è che l’otite, specie se cronica, è spesso da considerarsi non tanto una diagnosi, quanto piuttosto la presentazione clinica di svariate malattie dermatologiche.”

 

“ Prima di mettere qualcosa nell’orecchio o prendere in mano il bisturi ha continuato il relatore – fondamentale è individuare tutti i fattori responsabili dell’infiammazione dei diversi segmenti auricolari.” Per l’otite risulta dunque fondamentale impostare un vero e proprio “approccio orientato al problema” che, partendo da un’accurata anamnesi, consenta di: identificare sia le cause primarie (es. allergie, ectoparassiti) che i fattori secondari e perpetuanti (es. sovrainfezioni batteriche e fungine); rilevare l’esatta situazione clinica, anche con l’uso di opportune tecniche otoscopiche; e impostare un trattamento adeguato, sia topico che sistemico.

 

Per Innovet il seminario ha rappresentato anche l’opportunità per ribadire la possibilità di proteggere in maniera naturale l’orecchio dei nostri amici a 4 zampe, grazie all’applicazione locale di prodotti (Retopix® Oto) a base di sostanze (Adelmidrol) capaci di ripristinare “secondo Natura” l’equilibrio anche di questo delicato distretto.

 

La “maratona” scientifica si è conclusa con un intervento di TECALBO in diretta eseguito da Mortellaro su un cadavere, e con l’estrazione dei tre vincitori di “Le malattie dell’orecchio del cane e del gatto” di Richard Harvey, uno dei libri capisaldi dell’Otologia veterinaria messo in palio da Innovet.

 

 

Fabbrini F, Mortellaro CM. Tutto quello che dovete sapere sull’otite del cane e del gatto (e nessuno vi ha mai raccontato). Ospedale veterinario S. Francesco, Milano, 9 febbraio 2016

 

© 2016 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy