Chiudi
Menu
Carrello

Gli ordini effettuati su questo sito verranno evasi
da Giulius Pet Shop.
Per consultare lo stato di un vostro ordine già effettuato
entrate nel vostro account su Giulius Pet Shop

PEA-um: quando la dimensione fa la differenza

InnVetMed spiega come la riduzione delle dimensioni particellari (ultra-micronizzazione) sia essenziale per garantire biodisponibilità e benefici alla PEA somministrata per via orale.

PEA-um: quando la dimensione fa la differenza

Uno dei principali limiti all’uso orale di sostanze “amiche dei lipidi” (lipofiliche) è la loro biodisponibilità, cioè la quantità e velocità con cui raggiungono il target… È il caso della PEA (palmitoiletanolamide), le cui importantissime funzioni biologiche non possono esprimersi se non si tiene conto che “il suo assorbimento è inversamente proporzionale alle dimensione delle particelle in cui risulta aggregata”.  

 

Con queste premesse, il nuovo numero di InnVetMed spiega il progetto tecnologico portato avanti dai laboratori di ricerca di Innovet e finalizzato a “ottenere, selezionare e caratterizzare frazioni di PEA con particelle sempre più piccole”. Fino alla scoperta nel 2010 che la forma a maggiore biodisponibilità, e quindi più attiva, è la PEA ultra-micronizzata (PEA-um), con il 99% delle particelle di dimensioni inferiori ai 6 micron.

 

Dopo la descrizione dell’innovativo procedimento che genera PEA-um, InnVetMed riporta le principali evidenze a sostegno dei vantaggi dell’ultra-micronizzazione:

 

  • l’assorbimento dopo somministrazione orale, tale per cui i livelli plasmatici di PEA-um sono 5 volte superiori rispetto a quelli misurabili somministrando PEA non micronizzata (nativa);

 

  • la capacità di PEA-um di aumentare i livelli plasmatici, oltre che di PEA, anche di altre sostanze endogene protettive (endocannabinoidi), di cui l’aliamide ultra-micronizzata si serve per esercitare l’effetto ALIA.

 

Il messaggio finale di questa InnVetMed rivolto al medico veterinario?

Nell’utilizzare un prodotto a base di PEA, è fondamentale tenere in considerazione la dimensione particellare di tale sostanza, al fine di ottenerne appieno i benefici attesi.

 

 

Sfoglia il numero di InnVetMed su

https://www.innovet.it/inn-vet-med/pea-um-quando-la-dimensione-fa-la-differenza

(riservato ai Medici Veterinari)

 

PEA-um: quando la dimensione fa la differenza. Inn Vet Med Maggio 2020; 42: 1-8

© 2020 Innovet
Cookie PolicyCookie PolicyPrivacy PolicyPrivacy Policy